Social

Torna alla home

  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Flickr
La bonifica per la scuola

Il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale presenta per l’anno scolastico 2018-2019 un programma didattico volto a documentare la natura complessa del proprio lavoro di salvaguardia idraulica di un territorio che va dal crinale appenninico al fiume Po.

I Paesaggi della Bonifica
Il Consorzio pone a disposizione il proprio personale esperto per uscite dedicate a siti dell’acqua e itinerari paesistici che vengono direttamente curati nell’ambito dei propri interventi tecnici e di promozione del turismo consapevole.
Di seguito, un primo elenco distinto per territori geografici.
Nella bassa pianura:
museo multimediale di Boretto
impianto idrovoro del Torrione a Gualtieri
Valli di Novellara
Cassa di espansione Cà de Frati a Rio Saliceto
Cassa di espansione Case Capanne (Castelnuovo Sotto)
Risaie Baetta a Carpi
impianti delle Mondine con Parco delle Golene a Moglia e di S. Siro a S. Benedetto Po.
In città:
torrente Rodano tra Massenzatico e Pratofontana
Atelier del Paesaggio della Bonifica e Sala Telecontrollo presso il Palazzo delle Bonifiche in corso Garibaldi, 42.
Nell’alta pianura:
le due prese idrauliche sui canali di Secchia (Castellarano e Sassuolo con la nuova centrale idroelettrica alla presa di S.Michele de’ Mucchietti) ed Enza (Canossa)
Rio Bertolini (S. Polo d’Enza), Rio Arianna (Albinea).
In montagna:
il sentiero naturalistico  dei “Canini” a Civago, accessibile agli ipoveenti;
il Sentiero Matilde (da S. Polo d’Enza all’Alpe di S. Pellegrino);
percorso”sottosopra” la Pietra di Bismantova; “stanzini del freddo” a Vaglie di Ligonchio
le opere di regimazione idraulica realizzate dal Consorzio in tutti i comuni appenninici

La Bonifica per la scuola – Proposte a.s. 2018-2019 
Modalità di iscrizione:
inviare una mail a: mbonicelli@emiliacentrale.it entro il 30 novembre 2018 indicando numero e tipologia classi interessate, numero studenti, istituto, progetto e numero telefono o e-mail del docente

Bando concorso regionale “Reporter d’acque”Modulo liberatoria
Termine di presentazione 15 marzo 2019