Sabato 23 maggio 2020
La bella armonia: musica tra archeologia industriale, arte e paesaggio

Dal pomeriggio alla sera, con partenza alle 15.00 in pulmann da ReggioEmilia,
sosta e visita guidata alla Centrale della Bonifica di Moglia,
un pregevole esempio dell’architettura industriale degli anni ’20 e ’30 del 1900.
Di lì si riparte tutti insieme per una visita alla Basilica di S.Benedetto Po
Alle 18.00 concerto del Quartettocmantova nel Refettorio della Basilica.
Al termine rientro in pulmann a Reggio Emilia.

programma completo

ANNULLATA

Domenica 22 marzo 2020 ore 18,00
Palazzo delle bonifiche – Reggio Emilia, Corso Garibaldi n. 42

Lezione-Concerto con Giovanni Bietti e Quartetto Guadagnini
Musiche di
A. Webern – Langsamersatz
W. A. Mozart – quartetto k80 in sol maggiore
Adagio/ Allegro / Menuetto/ Rondò
W. A. Mozart – quartetto k465 in do maggiore “Le Dissonanze”
Adagio-Allegro / Andante cantabile / Menuetto. Allegro / Allegro molto

Dalle 17.00 alle 17.45 è possibile partecipare ad una visita guidata del Palazzo
delle bonifiche a cura del Direttore Dott. Domenico Turazza

programma completo

Con riferimento agli avvisi relativi al contributo di bonifica per l’annualità 2020, in corso di spedizione in questi giorni, il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e i Consorzi Fitosanitari Provinciali di Modena e di Reggio Emilia informano che: contribuenti e consorziati che dovessero trovarsi nella situazione di non poter adempiere al saldo entro la data prevista del 31 marzo a causa dell’emergenza dovuta alla diffusione del Virus COVID-19
POTRANNO PROVVEDERE AL VERSAMENTO NEI MESI DI APRILE E MAGGIO SENZA ONERI E/O AGGRAVI AGGIUNTIVI.

Leggi la nota integrale: Facilitazioni per il contributo di bonifica

In ottemperanza alle misure di cui all’art. 1 del DCPM 9 marzo 2020 gli Uffici Relazioni con il Pubblico di Reggio Emilia, Castelnuovo di Sotto, Carpi, Sassuolo, Castelnuovo nè Monti, Novellara, Montefiorino, e Pavullo nel/Frignano
SONO CHIUSI FINO AL 31 MAGGIO

Per informazioni sui contributi di bonifica
numero verde 800235320 dalle 8,00 alle 14,00 dal lunedì al venerdì
oppure
inviare una mail a segnalazioni@pec.emiliacentrale.it

 

La Bonifica dell’Emilia Centrale sta procedendo con la sostituzione della tubazione di mandata della pompa GR.2 presso l’impianto Rotte, nel Comune di Reggio Emilia e al confine con il Comune di Bagnolo in Piano (RE): un intervento di manutenzione straordinaria sulla pompa esistente ormai usurata, nella quale sarà montato un tubo in acciaio – dal diametro di 1,6 metri – protetto da un trattamento di zincatura a caldo dopo la lavorazione che ne migliorerà la longevità nel tempo.
Inoltre gli uomini del Consorzio realizzeranno una tubazione con scarico a sifone eliminando la chiusura a battente (clapet): questo migliorerà le performance riducendo i costi di manutenzione e fermo-impianto durante il funzionamento.
L’importo complessivo dell’intervento – progettato, eseguito e diretto dal personale tecnico e operativo dell’ente – è di 84mila euro, finanziati dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale; i lavori termineranno nel mese di aprile.

L'immagine può contenere: spazio all'apertoNessuna descrizione della foto disponibile.

 

Il Consorzio ha allertato il proprio personale addetto agli impianti di presa di Cerezzola e di Castellarano – Sassuolo a causa delle intense precipitazioni odierne che in montagna hanno determinato una situazione di pre-allerta sui fiumi Enza e Secchia.
A preoccupare maggiormente è lo stato dell’Enza, i cui livelli di pioggia caduti nelle ultime 40 ore si attestano a 250 millimetri nella zona del crinale all’interno; mentre nel bacino del Secchia i quantitativi sono di poco inferiori, pari mediamente a 150 millimetri.
Gli uomini del Consorzio stanno monitorando lo stato degli impianti e, in caso di superamento delle soglie di allarme, si metteranno prontamente in contatto con gli Enti e le Autorità preposti alla tutela delle Infrastrutture pubbliche (Polizia Municipale, Aipo) e alla Gestione delle emergenze (Protezione Civile).

L'immagine può contenere: cielo, montagna, spazio all'aperto e natura

impianto di presa sull’Enza a Cerezzola (RE) nel tardo pomeriggio del 2 marzo

 

La Bonifica dell’Emilia Centrale ha portato a termine i lavori di sostituzione canaletta in cemento del Canale Mandrio, al confine tra il Comune di Correggio e il Comune di Rio Saliceto.
I lavori di manutenzione, realizzati con personale e mezzi del Consorzio, hanno visto la sostituzione della tubazione interrata, parallela a Via Griminella, in materiale termoplastico ricavato da materie prime naturali.
L’intervento – che ha subito un ritardo a causa delle pesanti piene di novembre e dicembre quando, di fatto, il cantiere è rimasto bloccato – proseguirà con la realizzazione della pista ciclabile che collegherà i due Comuni.

immagini intervento

Domenica 23 febbraio 2020 ore 18,00
Palazzo delle bonifiche – Reggio Emilia, Corso Garibaldi n. 42

Lezione-Concerto con Giovanni Bietti e Quartettocmantova
Musiche di
L. van Beethoven – quartetto Op 18 n 1 in fa maggiore
Allegro con brio/ Adagio affettuoso ed appassionato/
Scherzo: Allegro molto/ Allegro
L. van Beethoven – quartetto in fa maggiore Op. 135
Allegretto Vivace Lento assai, cantante e tranquillo/ «Der schwer gefaßte
Entschluß»: Grave/ Allegro/ Grave ma non troppo tratto/ Allegro

Dalle 17.00 alle 17.45 è possibile partecipare ad una visita guidata del Palazzo
delle bonifiche a cura del Direttore Dott. Domenico Turazza

programma completo

Catellani (Presidente Emilia Centrale): “Azione forte e congiunta degli enti per agire in tempi utili per l’avvio della stagione irrigua a servizio delle imprese agricole del territorio”

Boretto (RE) – Se è vero che questo inverno si conferma tra i più siccitosi con temperature superiori di oltre 1,6 gradi rispetto alle medie del periodo e assenza di precipitazioni nei primi due mesi dell’anno, a conferma di una siccità spinta – come spesso accaduto nell’ultimo lustro – dall’altra l’auspicio più immediato è che la primavera possa riequilibrare progressivamente il contesto non agevole grazie alle piogge provvidenziali come nel 2019. In questa fase però la comprensibile preoccupazione sugli effetti più tangibili del clima che cambia rapidamente genera insicurezze al comparto agricolo alle prese con le prime semine stagionali, comparto che naturalmente scongiura il possibile prosieguo della stagione siccitosa anche per i mesi estivi.

In questo scenario piuttosto complesso il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale ha avviato tutte le azioni virtuose e preventive volte a favorire il migliore accesso possibile alla pratica irrigua non senza criticità da risolvere.  In particolare, l’impianto di Boretto, fondamentale per le colture e l’agroalimentare delle province di Reggio Emilia, Modena e Mantova – circa 220 mila ettari ciascuna e seconda presa di risorsa idrica della Regione dopo il Canale Emiliano Romagnolo (CER) – ha visto attivare dallo staff tecnico consortile e le imprese coinvolte le operazioni in alveo con uomini, mezzi, imbarcazioni per “dragare” e per sgomberare l’ingente quantità di sabbia accumulatasi durante l’autunno e l’inverno, maggiore rispetto agli altri anni a causa delle due piene del Po che si sono succedute alla fine del 2019 (il 17 novembre e il 17 dicembre scorsi). Una quantità di materiali imponente che il corso del Grande Fiume, proprio per la sua conformazione porta via via alla base delle arginature creando ostruzione ai possibili prelievi di acqua.

Vista la situazione non comune che si è generata in poco tempo il presidente dell’Emilia Centrale Matteo Catellani insieme – al direttore generale Domenico Turazza e all’ingegner Paola Zanetti e congiuntamente alla governance del Consorzio Terre di Gonzaga di sponda mantovana – hanno immediatamente fatto richiesta all’Autorità Distrettuale del Fiume Po di allertare AIPo (competente per le operazioni più articolate di movimentazione di sabbie materiali in alveo) presentando nel corso del summit idraulico svoltosi a Parma la situazione che potrebbe anche prevedere una emergenza e sottolineando la necessità di intervenire in tempi utili per l’avvio della stagione irrigua.

Intanto, mentre si attendono interventi risolutivi sui materiali presso l’impianto di Boretto, lavori efficaci sono cominciati ad opera del Consorzio proprio in questi giorni.
“L’auspicio – ha rimarcato il presidente del Consorzio Matteo Catellani – è che l’azione congiunta degli enti evidenziata ad AIPO  già alla fine del 2019 e durante l’incontro possa dare soluzione adeguata e in tempi utili per l’avvio della stagione irrigua, il Consorzio dal canto suo sta mettendo in campo tutto quanto possibile”.

un momento del vertice congiunto tra gli enti presso la sede dell’Autorità Distrettuale del Fiume Po a Parma

C’è anche Life agriCOlture all’interno dei 70 i progetti messi in campo dalla Riserva di Biosfera del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano che riguarda 34 comuni tra il Comune di Reggio Emilia, la Città di Parma, Comune di Modena, Comune di Lucca e Comune di Massa.
Il progetto europeo, che sperimenta tecniche innovative per lo stoccaggio dell’anidride carbonica con buone pratiche agronomiche, coordinato nel ruolo di capofila dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e che coinvolgerà fattivamente il Consorzio della Bonifica Burana, il Centro Ricerche Produzioni Animali (CRPA) e il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano.
“Con Life agriCOlture, in collaborazione con Parco nazionale e Riserva di Biosfera, abbiamo candidato con successo (e coordiniamo da capofila) un progetto strategico e di grande attualità per contrastare il cambiamento climatico”, ha aggiunto Domenico Turazza, direttore del Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale.

Guarda le immagini

Leggi la notizia

 

Il Canale Casalpò ha una lunghezza totale di metri 7.860 e attraversa parte dei comuni di Castelnovo Sotto, Gattatico e Poviglio.

Il canale ha una duplice funzione cioè raccoglie sia le acque di un bacino di circa 2.000 Ha ricadente nei comuni di Campegine e Gattatico e funge da vettore irriguo per i terreni di parte dei comuni di Castelnovo Sotto, Poviglio, Gattatico e Brescello per un’estensione di circa 4.200 Ha.

Il transito delle portate di piena generate in particolare dall’evento alluvionale accorso nel mese di novembre 2019, hanno causato una notevole erosione della scarpata arginale del canale compromettendo la stabilità arginale e la resistenza all’erosione interna e di contrasto al sifonamento.

Tale condizione rende l’argine prossimo al collasso e quindi causa di grave pericolo di allagamento delle aree circostanti, soprattutto in considerazione del prossimo avvio del periodo irriguo con conseguente invaso del canale.

Il 20/01/2020 sono iniziati, con origine in Via Zappellazzo, i lavori per il consolidamento dell’argine che consistono 1) nello scavo in proprietà privata parallelo al canale per la posa del terreno di espurgo proveniente dall’alveo del canale e la quantità di terra occorrente per la ricostruzione dello stesso, 2) la rifacimento del corpo arginale in destra idraulica con il terreno proveniente dallo stesso argine e dalla cava di prestito nella predetta proprietà privata ed infine 3) la protezione della scarpata interna, con posa di pietrame da scogliera di idonea pezzatura e spessore pari a circa 40-50 cm immorsata in una berma di appoggio posta al piede dell’argine.

La lunghezza presunta complessiva di intervento è di circa 440 m. ovvero fino a Via Mezzanella.

 

Versione con elementi grafici